Apparecchi acustici

Gli apparecchi acustici ricevono, amplificano e successivamente trasmettono i vari suoni ai soggetti affetti da ipoacusia, termine che indica una riduzione dell’udito; riduzione che può essere di lieve, media o grave entità. Fino a qualche anno fa, molte persone che soffrivano di ipoacusia, si rifiutavano di indossare gli apparecchi acustici a causa del loro design. Se prima i modelli erano piuttosto ingombranti, oggi grazie alla miniaturizzazione dei componenti elettronici, gli apparecchi acustici sono diventati comodi da indossare e molto discreti.

La Uditok propone ai propri clienti la nuova tecnologia digitale. Gli apparecchi acustici sono dotati di microprocessori che garantiscono un alto livello di elaborazione del segnale e un funzionamento adattivo. La programmazione avviene tramite computer su un elevato numero di parametri, permettendo una più precisa regolazione e quindi una più efficace correzione del deficit uditivo.
Alla Uditok, ti proponiamo soluzioni per ogni grado di ipoacusia, per i diversi stili di vita, per le diverse esigenze estetiche e disponibilità economiche.
Ti invitiamo a fissare un colloquio senza impegno con uno dei nostri audioapparecchisti, per scoprire le soluzioni più adatte ai tuoi bisogni e alle tue esigenze. Il personale del centro otoacustico Uditok valuterà le tue capacità uditive e ti fornirà la migliore consulenza per una scelta personalizzata, trovando soluzioni uditive tali da soddisfare ogni singola necessità.
Esistono diversi tipi di apparecchi acustici, in numerosi colori che imitano le tonalità della pelle e dei capelli e in una serie di colori brillanti e divertenti.

Per trovare quello più idoneo è necessario capire le esigenze d’ascolto per ottenere così la soluzione migliore.

protesi acustica prima immagine

Apparecchi retroauricolari (BTE)

Negli apparecchi BTE, tutti i componenti elettronici sono inseriti in un involucro da applicare sul retro dell’orecchio.
Il suono viene convogliato nel canale attraverso un tubicino che collega l’orecchio ad un auricolare su misura.
Gli apparecchi BTE offrono una maggiore amplificazione rispetto ad altri modelli grazie alle maggiori dimensioni dell’amplificatore e della batteria e sono più resistenti all’usura.

n2. ricevitore nel canale - nuova

Apparecchi con ricevitore nel canale (RIC)
Gli apparecchi acustici con ricevitore nel canale (RIC) sono simili ai BTE come forma e stile, ma sono più piccoli, poichè il ricevitore viene posto all’interno dell’auricolare e non nel guscio dietro l’orecchio.
Con gli apparecchi acustici RIC, il suono viene inviato direttamente dall’apparecchio dentro l’orecchio attraverso un cavetto sottile che si posiziona nel condotto uditivo. Oltre ad avere un suono eccellente, sono discreti e completamente automatici.

CIC-Protesi-acustica-endoauricolare-245x300

Apparecchi completamente nel canale (CIC)
Gli apparecchi CIC sono talmente piccoli da risultare particolarmente invisibili dall’esterno e sono completamente personalizzati.
Essi infatti possono essere utilizzati solo se il condotto uditivo è sufficientemente ampio, e poiché fanno uso di batterie di dimensioni molto ridotte richiedono anche una buona manualità.

protesi acustica seconda immagine

Apparecchi nel canale (ITC)
Gli apparecchi ITC sono appena più grandi dei CIC.
Vengono inseriti nel canale e sono molto discreti.
Fanno uso di batterie leggermente più grandi, più facili da maneggiare e da sostituire.
Entrambe vengono costruite rilevando il calco dell’orecchio esterno del cliente.

IIC

Apparecchi ad inserzione profonda (ICC)
L’apparecchio ad inserzione profonda (IIC) viene realizzato su misura sulla fomr adel condotto uditivo per essere comodamente indossato tutto il giorno.
Si posiziona comodamente dopo la seconda ansa del condotto uditivo: difficile vederlo, facile dimenticarsene.

autel:protesi occhiali

Apparecchi ad occhiale a conduzione ossea

Le astine degli occhiali ospitiano ospitano e nascondono il circuito elettronico.
Il circuito amplificatore trasforma i suoni in vibrazioni, che, tramite un vibratore posto sul terminale dell’occhiale, vengono trasmessi all’osso mastoideo. Da qui tali vibrazioni pervengono alla coclea.
Questi apparecchi sono indicati nei casi in cui sia fisicamente impossibile l’uso degli apparecchi a conduzione aerea (otite media, otosclerosi, mastoidectomia radicale, otorrea, stenosi del condotto,…).
Gli occhiali a conduzione ossea non richiedono niente nell’orecchio (ne tubicini, ne chiocciole, ne gusci) e si mimetizzano perfettamente nell’asta dell’occhiale.